Le coperte

Da che cosa dipende la scelta della coperta? Dal clima, dall’età del cavallo, dal tipo di tosatura, dall’attività che svolge…
Gli unici cavalli che non portano la coperta al “Cavallino d’Oro” sono i nostri puledri L’Enfant Terrible e Diamantina, che hanno rispettivamente 19 e 7 mesi : loro vivono liberi in ampi paddock dal mattino alla sera e vengono riportati ai loro box solo durante la notte. Non hanno bisogno della coperta perché il loro manto invernale li protegge dal freddo, non devono essere tosati perché ancora non svolgono attività sportiva e durante il giorno possono muoversi e quindi scaldarsi in modo naturale. 🐎🐎
Tutti gli altri cavalli che trascorrono la maggiorparte del tempo in BOX hanno bisogno di una protezione contro il freddo perché i movimenti consentiti in uno spazio ridotto non gli permettono di produrre abbastanza calore per proteggersi, a maggior ragione se sono tosati.
Per i cavalli che vivono in scuderia usiamo 4 tipi di coperte differenti: il COTONE, il PILE, il PIUMINO e il SOTTOPIUMINO.
Iniziamo a usare la COPERTA DI COTONE appena si abbassa la temperatura, già le prime sere di fine settembre. Ha la funzione della nostra “canottiera”, protegge dalle correnti d’aria 🌬 e non fa crescere il pelo al cavallo al primo freddo ritardando l’intervento della tosatura.
La COPERTA DI PILE sostituisce quella di cotone quando inizia a fare più freddo.
In seguito alla tosatura è necessario sfoderare il PIUMINO che a seconda della sua grammatura (per un cavallo tosato almeno 300 grammi) proteggerà al meglio il nostro amico quadrupede.
Quando le temperature raggiungono i picchi più bassi per garantire più calore, aggiungiamo una coperta SOTTOPIUMINO oppure di pile, oppure di lana sotto al piumino.
É importante che le coperte da scuderia siano traspiranti, mantenute ben pulite per evitare fiaccature e che i ganci siano ben fissati davanti al petto e sotto alla pancia affinché rimangano al loro posto senza infastidire i cavalli.
Per i cavalli con tosatura completa o da caccia ( vedi il nostro articolo di mercoledì scorso di #pratichediscuderia ), come Joly e Wendy Bell, usiamo un telo di pile da fissare sotto il piumino e da annodare come uno scialle: serve per proteggere dal freddo il collo e per non fare ricrescere il pelo in questa parte del corpo.
Per evitare l’usura del manto all’altezza del petto o dell’ incollatura di soggetti tosati particolarmente sensibili si possono utilizzare dei “coprispalle” o “magliette” in lycra da mettere a contatto con la pelle del cavallo.
I nostri pony Crème Caramèl e Mago Merlino vivono in scuderia ma non sono tosati: durante il periodo più freddo a loro basta un piumino leggero (200 grammi) traspirante.
Ovviamente nel caso di cavalli molto anziani e o malati, la loro resistenza al freddo non sarà la stessa e bisognerà adeguare la protezione al loro stato di salute.
Per capire se il cavallo è ben protetto noi infiliamo una mano sotto alla coperta: se la pelle è fredda il cavallo non è abbastanza coperto.
Quando ci sono delle belle giornate e il terreno è asciutto anche durante la stagione più fredda permettiamo ai nostri cavalli che vivono in scuderia di sgranchirsi qualche ora in paddock. In questo caso li proteggiamo con coperte impermeabili, resistenti e traspiranti, che abbiano dei soffietti all’altezza delle spalle per consentire libertà di movimento ai cavalli a cui piace tanto rotolarsi, correre e sgroppare senza che si sentano costretti rischiando di strappare il tessuto.
Tutti i nostri allievi sanno che quando un cavallo che vive in box deve essere pulito prima di lavorare è importante, una volta tolta la coperta da scuderia e spazzolato il suo manto, coprirlo subito con una COPERTA DA PASSEGGIO (senza le cinghie da box) di PILE o LANA COTTA. Quest’ ultima lo protegge durante la pulizia, il sellaggio, il riscaldamento al passo prima di iniziare il lavoro e aiuta a tenerlo caldo e ad asciugare il sudore finito l’allenamento. Se il cavallo è particolarmente sudato usiamo una coperta di SPUGNA che aiuta ad assorbire il sudore più velocemente.
I cavalli con tosatura completa o da caccia in caso di temperatura molto bassa possono essere montati con una coperta COPRIRENI in pile leggero sagomata in modo da incastrarsi sotto la sella, allacciarsi con un velcro sopra al garrese e tenere calda la schiena alle tre andature senza che si sposti o dia fastidio al binomio durante il lavoro.
Un’altra coperta indispensabile in caso di pioggia🌧 è la CERATA: si tratta di una mantella impermeabile che copre il cavallo dalla testa alla coda. Noi la usiamo per esempio per non far bagnare il cavallo nel tragitto da box a campo coperto quando piove molto o nevica.
Infine esiste una coperta leggerissima che non serve a proteggere dal freddo bensì a tenere lontane mosche e altri insetti fastidiosi durante la bella stagione🌞: si tratta della COPERTA A RETE. Per noi è utilissima per rendere i cavalli più sereni durante la ferratura di cui si occupa il maniscalco e per farli stare più tranquilli quando li portiamo a mangiare l’erba dopo il lavoro.🌱
Per quanto riguarda le taglie riportiamo in seguito un piccolo schema per essere in grado di scegliere la giusta misura in base all’altezza al garrese del proprio cavallo.
Altezza al garrese: ——> Taglia coperta:
120/130 cm —> 115 cm
135/150 cm —> 125 cm
150/160 cm —> 135 cm
170/180 cm —> 155 cm
+180 cm —> 165 cm
Speriamo che l’articolo vi sia piaciuto, se è così non esitate a mettere like 👍👍 e a lasciarci un commento💬💬!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *