Protezione arti cavalli

Qui al Cavallino d’Oro 🐴💛 siamo molto attenti a proteggere i nostri cavalli nel migliore dei modi.
Gli arti, in particolare, sono una delle parti anatomiche del cavallo più propense a ricevere colpi e ferite durante l’attività sportiva e lo svago quotidiano.

Ecco quali sono le protezioni che utiliziamo:

Stinchiere in neoprene
Le usiamo per proteggere gli arti anteriori nel lavoro di tutti i giorni, si devono sistemare in modo da coprire nodello e stinco, fissando la chiusura in velcro con i lacci verso l’esterno. Questi ultimi non devono essere troppo stretti per non creare problemi di circolazione, ma nemmeno troppo larghi per far sì che la protezione rimanga al suo posto senza scivolare verso il basso durante il movimento. Devono essere della misura giusta per proteggere bene senza creare fastidi al cavallo. Vanno pulite regolarmente per non creare fiaccature. Le usiamo quotidianamente per tutti i nostri cavalli quando li montiamo, sia nel lavoro in piano sia nel salto. 🏇

Paranocche in neoprene
Hanno le stesse caratteristiche delle stinchiere ma servono per proteggere i nodelli degli arti posteriori. Particolarmente indicate per i cavalli ferrati anche sugli zoccoli posteriori.

Stinchiere e Paranocche in pelle
Hanno la stessa funzione protettiva di quelle in neoprene ma sono più fini ed eleganti, le usiamo quando partecipiamo ai concorsi di salto ostacoli. Vanno pulite con il sapone per il cuoio e ingrassate con cura dopo ogni utilizzo.

Stinchiere e Paranocche con interno in agnellino 🐑
Servono per quei cavalli particolarmente sensibili che tendono a fiaccarsi facilmente e sono predisposti alle ragadi.
Bisogna stare molto attenti a mantenerle sempre ben pulite.

Paraglomi
Sono delle protezioni in neoprene, pelle o gomma che si applicano sugli zoccoli con una chiusura in velcro e proteggono i glomi,il pastorale, la corona e la parte sotto al nodello. Noi li usiamo principalmente per gli anteriori, ma si possono mettere anche ai posteriori. Sono molto utili per quei cavalli che lavorando si “raggiungono” gli anteriori con i posteriori rischiando di ferirsi, oppure per cavalli che hanno piccoli difetti di appiombo e che nel lavoro tendono a scontrare gli anteriori l’uno con l’altro provocandosi colpi e tagli.
Per sicurezza li mettiamo sempre quando giriamo un cavallo alla corda, quando lo lasciamo scosso in campo o in paddock e quando usciamo in passeggiata.

Paraferri
Sono protezioni in gomma che si infilano sugli zoccoli anteriori per far sì che quando il cavallo con gli zoccoli posteriori raggiunge quelli anteriori non si strappi via i ferri. Questo può succedere nella disciplina del salto ostacoli, nella fase di ricezione dal salto o durante una girata particolarmente stretta.

Paracolpi da cross country 🏞🌲
Sono delle protezioni usate nella prova di cross country del completo. Sono più alte delle protezioni normali e proteggono completamente gli stinchi del cavallo. Sono in neoprene e si possono lavare facilmente nel caso si sporchino di fango o sabbia. Le usiamo combinate con i paraglomi quando andiamo a fare lunghe passeggiate nelle quali capita di galoppare e saltare piccoli tronchi. Le utilizziamo anche quando lasciamo liberi i cavalli in campo o in paddock in modo che possano sfogarsi senza il rischio di farsi del male.

Fasce da lavoro
Forniscono protezione agli arti anteriori e posteriori e hanno anche una funzione contenitiva e di sostegno.
Ce ne sono di due tipi: quelle tutte in elastico e quelle metà in pile e metà in elastico. Noi usiamo quelle in pile ed elastico perché si adattano meglio alla gamba del cavallo e rimangono più morbide.
È molto importante metterle nel modo corretto, senza stringere troppo per non creare problemi ai tendini e senza lasciarle troppo molli per non rischiare che si disfino durante il lavoro
Quando mettiamo le protezioni agli arti dei nostri cavalli è importante fare molta attenzione a non farsi male, bisogna stare sempre di lato e mai davanti alle ginocchia dell’animale che potrebbe muoversi e colpirci senza volerlo. È bene non stare mai in ginocchio ma con i piedi ben poggiati a terra, pronti a spostarsi nel caso il cavallo si spaventi o si infastidisca per qualcosa, senza appoggiare mai le mani per terra per evitare pestoni.
Se avete consigli, domande o richieste commentate qui sotto!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *